21.03.07

Curzio Riminese

Segnalo che su "La Repubblica" di oggi, Rimini si è meritata un paginone. Il signor Curzio tenta una messa a fuoco della città vera (?) contro quella immaginaria. Nel pezzo, citato generosamente il nostro librino "Alieni a Rimini", che dopo piu' di un anno rolla ancora (come i reoplani sulla pista).
Pagine 1, 20 e 21. Buona Primavera a tutti.

Posted by robgrassilli at 10:19 | Commenti (2)

08.03.07

Le Ovarole a Cesenatico

Cesenatico: le Ovarole

Incontri con Signore, dal 3 marzo al 28 aprile 2007.
Teatro Comunale di Cesenatico, 11 marzo ore 16:
Lia Celi
storie di donne e di lavoro in un paese di mare.
Per il "Centro Donna" di Cesenatico.

"Per il nostro territorio, una serie di appuntamenti in luoghi, tempi, modi diversi perché le donne possano raccontare e raccontarsi.
Donne demiurgiche, appasisonate e ironiche, capaci di trasformare le fatiche in opere d'arte, appunto, come le sfoglie tirate dal magma vischioso di uova e farina."

Posted by robgrassilli at 18:09 | Commenti (0)

05.03.07

Power to the Pippo! 3/ Cristicchi, che equivoco! La canzone sui matti era quella di Al Bano

- Aveva ragione Prodi, il paese è veramente impazzito: tutti hanno creduto che il comprensibilissimo rap del cantautore romano parlasse di malattia mentale, mentre l’obnubilato guazzabuglio canoro dell’energumeno di Cellino San Marco è stato preso per una canzone seria. A sviare il pubblico, probabilmente, la capigliatura di Cristicchi, che sembra alludere ai danni dell’elettroshock.
- Attacco di schizofrenia autolesionista anche per Fabrizio Del Noce: malgrado gli ottimi ascolti registrati da Baudo, ha intenzione di affidare Sanremo 2008 a Paolo Bonolis, che costa come una manovra economica e ha lo stesso indice di gradimento. Come partner femminile, il direttore di Raiuno vorrebbe affiancargli Greta Garbo, Rosa Bezzi, l’assassina di Erba, o Bloom delle Winx. Ultim’ora: Del Noce è stato sorpreso mentre tentava di appiccare il fuoco al teatro Ariston. «Voglio ricostruirlo più bello e imponente che prìa», ha affermato il dirigente, picchiando con la cetra gli infermieri che tentavano di immobilizzarlo...

- Finalmente smentiti certi vecchi pettegolezzi secondo cui la Hunziker sarebbe posseduta dal demonio. E’ lo stesso Belzebù a chiarirlo: «Non potrei mai permettermelo, Michelle costa troppo. Se il suo cachet per cinque giorni ammonta a un milione di euro, immaginate quanto costa averla per l’eternità. Vabbè che nella cifra sono comprese, oltre alla sua anima, quelle dello staff, ma nell’ultima finanziaria infernale abbiamo messo un tetto ai compensi per le star.»
- Svelato il mistero delle cinquecento rose rosse inviate alla Hunziker (il mittente era Antonio Cassano, come si è dedotto dal gentile bigliettino “o me la dài o ti spacco la faccia”), l’unico enigma sanremese ancora senza soluzione rimane chi ha depositato mercoledì sera sul palco dell’Ariston un ignoto nero con la chitarra di nome John Legend.
- “Io, cantore dell’impegno? Al contrario” afferma Fabrizio Moro, vincitore nella sezione Giovani con “Pensa”: “Con i soldi del premio posso finalmente disimpegnare il mio cappotto al Monte di Pietà.” Il suo brano, un accorato appello contro la mafia, gli è stato ispirato dalla fiction su Paolo Borsellino. “E dovreste sentire la mia canzone sulla lotta di classe ispirata a «Orgoglio 2»”.
Più inamovibile di Del Noce, si congeda rispettosamente il vostro Freddurista. Chi è la cantante più ingenua? Nada Ieri. E la soubrette più amata dai panettieri? Michette Hunziker. Perché Baudo litiga con l’Ulivo per colpa di Del Noce? Perché si è inalberato. Come mai la diva di Basic Istinct non fa la cantante? Perché Sharon Stona. Perché il matto di Cristicchi non riconosce l’euro? Perché de-lira. Al prossimo anno!

Posted by Lia Celi at 10:45 | Commenti (1)

Anita, Lia e l'Ottomarzo

Anita, otto marzo
Posted by robgrassilli at 10:17 | Commenti (0)

02.03.07

Power to the Pippo! 2/ Sanremo, protesta dei salumieri romani: «I du’etti ve li famo noi»

Oggi Baudo riceve una delegazione di pizzicagnoli dell’Urbe, ingiustamente esclusi dalla serata dei duetti. Il conduttore si giustifica: «Mi tagliano sempre due etti e mezzo, e poi mi chiedono “lascio, dottò?”: avrei sforato il budget.» Salta il contratto di Paolo Mazzocchetti come testimonial in Europa del pomodoro italiano: «Sarebbe un autogol promozionale – affermano i coltivatori –, è un cantante senza sugo.»
- Problemi di stitichezza per Michelle Hunziker. La showgirl, il cui corpo è sponsorizzato pezzo per pezzo, per il momento non ha ancora trovato un marchio cui associare l'ultimo tratto dell'intestino crasso, e, da oculata manager di se stessa, si trattiene in vista di una buona occasione. Ma la collega Alessia Marcuzzi la mette in guardia: «Da quando faccio la pubblicità allo yogurt Activia, sono obbligata per contratto a cagare diciotto volte al giorno, e devo condurre il Grande Fratello direttamente dalla tazza del water»...

- Il riscaldamento globale ha sovvertito le ataviche abitudini di molte specie animali: non solo gli orsi non sono andati in letargo, ma a Sanremo non sono comparsi i Matia Bazar. Ingannati dal clima mite, hanno pensato che fosse già maggio e che il Festival avesse chiuso i battenti. Secondo un’altra ipotesi, i Matia sarebbero scomparsi già verso dicembre durante una gita nel Parco Nazionale d’Abruzzo: «Forse credevano che gli orsi fossero in letargo», azzardano i forestali.
- Il mancato letargo dei plantigradi quest’anno ha inoltre determinato la discesa a valle dei cori alpini, perseguitati dagli orsi insonni e affamati. Ieri sera ben due complessi vocali sono stati avvistati sul palco dell’Ariston mentre ululavano al fianco di Antonella Ruggiero. «Se continua così – avvertono gli ambientalisti – i cori alpini potrebbero diventare una presenza stanziale nelle città, con gravi problemi acustici e igienici.» Ne sanno qualcosa i sanremesi, costretti a sorbirsi notte e giorno “Tapùm” e “La montanara”, e a ripulire macchine e marciapiedi da montagne di deiezioni di coristi friulani.
- Ma quale tric-trac, il vero tormentone sanremese ve lo dà il Freddurista. Chi è la cantante più apprezzata nei cantieri? Amalia Gru. E quella preferita dagli avvocati? Parcella Bella. La più gettonata dai mafiosi? Cosca. Il cantante meno pigmentato? Al Bino. Perché i cancelli non vincono mai a Sanremo? Perché sono di Ferro battuto. Alla prossima puntata!

Posted by Lia Celi at 10:58 | Commenti (3)